Growbox per Peperoncini – Parte I – Struttura

Peperoncini in crescitaDa qualche anno coltivo peperoncini, all’inizio acquistando piante già mature. Queste piante, anche se robuste e comunque discretamente produttive, non riuscivano a darmi la soddisfazione che volevo. Spesso erano ibridi e, a volte, le etichette erano totalmente errate. Era arrivato il momento di iniziare dal seme e per questo è necessaria una GrowBox.
Il problema non era tanto cercare i semi, quelli buoni per quanto possibile, e non ibridi, ma trovare un modo per farli germinare e far crescere la pianta con il giusto apporto nutritivo in tutte le sue fasi.

In questa  piccola serie di articoli andremo a vedere come ho costruito la GrowBox,come è stata modificata nel tempo, dal miglioramento dello strato di coibentazione all’introduzione di Arduino come controller, e l’integrazione su cloud (Emoncms.org) per l’analisi dei dati anche da remoto.

Ma partiamo per gradi, e vediamo come si presentava la prima versione della GrowBox, nonchè la più semplice da realizzare e alla portata davvero di tutti.

Panoramica

Le dimensioni esterne sono 50x50x80 cm.

Nella versione trattata in questo articolo, la GrowBox sarà in grado di gestire, quasi autonomamente, questi parametri:

  • Temperatura
  • Accensione e spegnimento Luce
  • Ricircolo aria

Il controllo della temperatura sarà affidato ad un termostato da terrario che azionerà il cavo riscaldante da 80W posizionato nel fondo.

Una coppia di ventole da 80mm (una in input ed una in output) gestisce il ricircolo dell’aria, e viene azionata da un timer a cavalieri. 

La luce è stata affidata inizialmente a tre neon sotto-mensola a luce fredda da 60cm, controllati da un temporizzatore, ma, poco dopo, sono state montate altri tre portalampade in ceramica per montare lampade a basso consumo.

 L’umidità verrà gestita manualmente con una spugna umida in un bicchiere, non avendo a disposizione un igrostato, e controllata con un semplice igrometro con min/max.

L’interno del box verrà rivestito con pannelli termoriflettenti.

Costruzione della GrowBox

Passiamo alla prima fase della costruzione, la struttura del box:
Assemblaggio della struttura GrowBox
Assemblaggio della struttura GrowBox
Vite per fissare gli angoli
Vite per fissare gli angoli
Squadra di metallo per fissare gli spigoli
Squadra di metallo per fissare gli spigoli
Struttura assemblata
Struttura assemblata

La struttura assemblata è abbastanza solida (ho utilizzato viti e colla vinilica).

Fissaggio pannelli laterali
Fissaggio pannelli laterali

Ho utilizzato viti per fissare i pannelli, dato che con molta probabilità saranno soggetti a modifiche nel corso del tempo.

Fissaggio pannello inferiore
Fissaggio pannello inferiore
Pannelli e cerniere assemblate
Pannelli e cerniere assemblate

Il box “assemblato” senza il pannello frontale apribile (cerniere per l’apertura installate).

Verniciatura

Prima mano di flatting
Prima mano di flatting

Prima mano di Flatting Nautico per minimizzare le muffe ed i funghi, data l’elevata umidità a cui sarà soggetto l’interno.

Verniciatura completata
Verniciatura completata

Seconda mano di Flatting e pannello frontale mobile assemblato.

Risultati

La prima versione della struttura è ormai pronta, nel prossimo articolo andremo a vedere come ho installato le ventole per l’areazione, il termoriflettente, e il cavo riscaldante.

Con pochi attrezzi, che molto probabilmente tutti hanno già in casa, è possibile realizzare questa GrowBox!

Alla prossima!

Spread the love
  • 8
    Shares

2 risposte a “Growbox per Peperoncini – Parte I – Struttura”

    1. Grazie! Questo è il primo articolo della serie… Nei prossimi ci sarà il dettaglio dell’illuminazione, ventilazione e riscaldamento, germinazione dei semi e integrazione con Arduino ed Emoncms per avere i dati sotto controllo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.