Controller Growbox con Arduino

Controller GrowBox con Arduino installatoCiao a tutti! Ci eravamo lasciati a Febbraio con la costruzione della GrowBox per Peperoncini (ma in realtà questo inverno ci sono nati e cresciuti Pomodori, Peperoni, Melanzane, Cocomeri, Meloni, Zucche e Zucchine), l’utilizzo della GermBox per la germinazione con il metodo Scottex e l’upgrade “termico”. Ora, finalmente, mi sono deciso a scrivere la prima parte dell’articolo sulla realizzazione di un Controller GrowBox con Arduino, controllabile tramite un piccolo web server integrato e con l’invio dei dati su un’istanza di EmonCMS.

Controller GrowBox con Arduino

Stanco dell’utilizzo di timer a cavalieri, ciabatte, termoigrometri min/max e chi più ne ha più ne metta, ho deciso che era giunto il momento di mettere insieme i due mondi: Arduino e Peperoncini. Il primo progetto, scartato nel giro di poche settimane, prevedeva l’utilizzo di Arduino Nano con RTC, Display 1602 e modulo Relay per gli azionamenti, un sensore DHT22 per temperatura e umidità ambiente. Niente bottoni, per cambiare parametri dovevo modificare il firmware. C’è voluto poco per decidere di passare ad Arduino Mega, Ethernet Shield e Display 2004.

Sensori

Anche i sensori sono aumentati, dal singolo sensore sono arrivato a due DHT22 (uno interno ed uno esterno, con possibilità di utilizzo degli introvabili DHT44) e due DS18B20 (uno per il monitoraggio della temperatura della sabbia dove è immerso il cavo riscaldante e l’altro per la temperatura dello strato più alto dove ci sono le lampade). Penso di aggiungere, a breve, un trasformatore amperometrico. Potrebbe essere molto utile per spegnere tutto in caso di consumo eccessivo (probabile corto circuito).

Prototipo GrowBox Shield
Prototipo GrowBox Shield

Azionamenti

Gli azionamenti di cui ho bisogno sono:

  • Illuminazione
  • Ventilazione
  • Riscaldamento
  • Vaporizzatore ad ultrasuoni (non utilizzato ma perfettamente implementato)

Per semplicità ho collegato tutto alla 220V, utilizzando eventuali trasformatori a monte della scheda relay.

Controllo

La prima versione prevedeva una pagina web con aggiornamento dei parametri in AJAX e la possibilità di accendere e spegnere i relay. Non prevedeva, ancora uno storico dei dati o una programmazione dei valori.

Un controller growbox con Arduino è utile se programmabile. Per questo motivo ho messo mano nuovamente al codice ed ho implementato alcune pagine per l’impostazione dei parametri (soglie, orari di accensione e spegnimento) e il download dei log giornalieri in formato CSV. Questi log sono salvati nella microSD inserita nell’Ethernet Shield.

Integrazione EmonCMS

Passo molte ore fuori casa per lavoro, e non potevo non avere sotto mano i dati ambientali registrati. Essendo un controller GrowBox con Arduino, già dotato di Ethernet Shield, perchè non inviare i dati su un cloud? Dopo una ricerca delle possibilità ho optato per EmonCMS. Gratuito, Open Source e con la possibilità di utilizzarlo su shared hosting come Aruba.

Nuove modifiche al codice per avere finalmente i primi dati inviati e visualizzati su internet!

Questa è la mia dashboard:

Dashboard EmonCMS per il controller GrowBox con Arduino
Dashboard EmonCMS per il controller GrowBox con Arduino

 

 

 

 

 

Da qui è possibile vedere lo stato delle luci, del riscaldamento, delle ventole e del generatore di umidità, oltre che gli andamenti dei valori di temperatura ed umidità rilevati dai sensori. L’ho predisposto per l’invio di una email in caso di temperature fuori norma, oltre che all’accensione e spegnimento dell’illuminazione.

Conclusioni

E’ già il secondo anno che la utilizzo, migliorando di mese in mese il firmware che penso di rilasciare a breve, insieme ad uno schematico del GrowBox Shield che ho realizzato.

A presto!

Growbox per Peperoncini – Parte IV – Upgrade Coibentazione

Peperoncino in crescitaCome vi dicevo, mi sono trasferito vicino Varese, dove l’unico posto per posizionare la GrowBox è una cantina abbastanza fredda. L’upgrade della coibentazione e del rivestimento esterno della GrowBox non riguarda solamente lo strato di isolante interno, in precedenza termoriflettente per termosifoni, ma anche i pannelli di compensato che sono ora molto più spessi ed in multistrato.

Brrr… i peperoncini hanno freddo!

Come spiegato nei precedenti articoli, nelle prime fasi di crescita, una temperatura vicina ai 30°C e soprattutto costante è la chiave per uno sviluppo corretto delle nostre piante. Una volta superato il primo rinvaso la situazione è decisamente più facile.

Leggi tutto “Growbox per Peperoncini – Parte IV – Upgrade Coibentazione”

GermBox per Peperoncini – Parte III

Peperoncino in crescitaBene, ora che abbiamo costruito la nostra GrowBox, dobbiamo capire come far germinare i semi nel modo più rapido e con la maggior percentuale di germinazione possibile. Per aumentare la possibilità di germinazione andremo a mettere in bagno di camomilla i semi, per poi posizionarli nella GermBox che andremo ad analizzare in questo articolo. E’ comunque possibile procedere alla semina direttamente nei bicchierini da caffè forati sul fondo, ma in questo caso cerchiamo un sistema per ottimizzare tempi e spazi. GrowBox e GermBox ci aiuteranno a partire con la coltivazione!

Leggi tutto “GermBox per Peperoncini – Parte III”

Growbox per Peperoncini – Parte II – Luci, ventole e riscaldamento

Peperoncino in crescitaLa scorsa settimana abbiamo visto come assemblare e trattare la struttura della GrowBox per resistere all’elevata umidità che si verrà a creare all’interno. Quello che andremo a scoprire oggi è come installare luci, le due ventole da PC (80x80mm), il cavo riscaldante e il pannello termoriflettente, come gestire l’accensione e lo spegnimento di luci, serpentina di riscaldamento e, appunto, le ventole per ricircolo aria. Il ricircolo dell’aria è molto importante per mantenere il giusto livello di CO2 necessario alla pianta.

Leggi tutto “Growbox per Peperoncini – Parte II – Luci, ventole e riscaldamento”

Growbox per Peperoncini – Parte I – Struttura

Peperoncini in crescitaDa qualche anno coltivo peperoncini, all’inizio acquistando piante già mature. Queste piante, anche se robuste e comunque discretamente produttive, non riuscivano a darmi la soddisfazione che volevo. Spesso erano ibridi e, a volte, le etichette erano totalmente errate. Era arrivato il momento di iniziare dal seme e per questo è necessaria una GrowBox.
Il problema non era tanto cercare i semi, quelli buoni per quanto possibile, e non ibridi, ma trovare un modo per farli germinare e far crescere la pianta con il giusto apporto nutritivo in tutte le sue fasi.

In questa  piccola serie di articoli andremo a vedere come ho costruito la GrowBox,come è stata modificata nel tempo, dal miglioramento dello strato di coibentazione all’introduzione di Arduino come controller, e l’integrazione su cloud (Emoncms.org) per l’analisi dei dati anche da remoto.

Ma partiamo per gradi, e vediamo come si presentava la prima versione della GrowBox, nonchè la più semplice da realizzare e alla portata davvero di tutti.

Leggi tutto “Growbox per Peperoncini – Parte I – Struttura”